Usiamo i cookies per darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità sul nostro sito. Continuando a navigare in questo sito, concordi con la nostra politica sui cookie. Scopri di più sui cookie nella nostra pagina sulla Politica sui Cookie.

Associazione Scientifico Culturale
ASC EmpiricaMente

Scienze sociali

Scritto da Silvia Aprili

Questo tipo di difesa è un processo interpersonale che si ritiene derivi dal periodo pre-verbale cioè quando il bambino non è ancora in grado e non ha la necessità di assegnare qualità buone o cattive alle figure di riferimento.
A due anni invece il bambino ha l'esigenza di organizzare l'esperienza che deriva dall'ambiente in cui vive e di attribuire alle proprie percezioni valenze positive o negative. Questa naturale predisposizione lo porta a distinguere  gli elementi buoni/ cattivi così come gli permette di categorizzare il mondo adulto e bambino.

Scritto da Silvia Aprili

 

A volte l'uomo che soffre si ritira in una dimensione fantastica o di isolamento rispetto al mondo reale, cerchiamo di capire assieme come e perché:
quando un bambino è sovrastimolato o è in preda a forti tensioni spesso semplicemente si addormenta.
Il ritiro psicologico in un diverso stato di coscienza è un comportamento in cui si attiva una risposta di autoprotezione automatica nel piccolo d'uomo.

Scritto da Silvia Aprili

La psicoanalisi suppone che per il neonato il mondo e il Sè siano un'unica cosa.
Per Piaget questo principio corrispondeva al concetto di "egocentrismo primario", per Freud al concetto di "narcisimo primario", condizione nella quale il neonato ha la sensazione che la fonte dei fenomeni esterni sia interna: se il bambino percepisce freddo, e una figura materna lo prende in braccio e lo riscalda, egli crede  magicamente di aver provocato il calore. Il bambino quindi non ha ancora maturato una consapevolezza di un centro di controllo esterno al Sè.

Scritto da Silvia Aprili

Freud, quando svolgeva il lavoro di analista con le persone emotivamente disturbate, in particolare gli isterici, osservava che essi facevano di tutto per evitare di rivivere quello che temevano sarebbe stato per loro un dolore insopportabile. E ciò purtroppo determinava uno scompenso rilevante sul piano del funzionamento globale. Essi infatti mettevano in atto dei processi difensivi che causavano un comportamento fortemente disadattivo: sarebbe forse stato meglio percepire pienamente le emozioni soverchianti di cui avevano paura, liberandone le energie al fine di procedere nella vita.